Vai al contenuto

Romanzo di fantascienza: Gaia, la Madre Terra, chiama gli uomini a sé per salvare loro e se stessa

Il richiamo di Gaia  la Madre Terra Entanglement, come secondo titolo - è nato come un progetto cinematografico al quale far seguire una serie televisiva. Scelta quasi obbligata considerata la ricchezza di contenuti e il numero di trame che si possono sviluppare. Il progetto è a basso costo e di facile realizzazione.

I produttori con cui ho parlato credo temano che la storia trovi un interesse limitato. Ignorano o preferiscono ignorare, che certe argomenti esoterici, filosofici e scientifici hanno dato vita a centinai di associazioni in tutta Italia, per non parlare di tutto l'occidente. Un enorme movimento che è emerso dall'ombra in ordine sparso e variegato.

E' dal 1999 che studio e rifletto su come creare una storia che riunisca tutti quei fenomeni extrasensoriali o miracolosi in un unico grande disegno. Anni in cui incontri fortuiti, sincronicità le definirebbe Carl Gustav Jung, mi hanno messo in condizione di conoscere scoperte scientifiche che potessero fare da intelaiatura alla mia storia e renderla più robusta, passando dal fantastico alla fantascienza.

Il romanzo è basato sulle più recenti scoperte scientifiche di fisica quantistica, genetica, medicina, su idee pseudoscentifiche e antichi insegnamenti spirituali.

Teorie quali la risonanza dei campi morfici o la rete di Hartmann, trovano delle convergenze nelle tradizioni mistiche che trattano di energie dette sottili, di attivazione di centri energetici nel corpo e risveglio della ghiandola pineale. Tutti questi elementi convergono a sostegno di un grande disegno che ha al centro la Madre Terra come essere vivente, cellula del corpo dell'universo cosmico.

Dopo anni ho deciso di raccontare “Il richiamo di Gaia la Madre Terra” con un libro. Forse è il mezzo più giusto. Sono convinto che molte persone si entusiasmeranno leggendola ed avranno stimoli positivi.

Scrivere questo libro mi sta dando sensazioni di libertà che non avevo mai provato. Una sceneggiatura ti obbliga a rispettare regole che non si possono infrangere. Il romanzo ti permette così tante possibilità di narrare che lascia confusi.

Per deformazione professionale ho trovato uno stile che si avvicina più ad un racconto cinematografico, cosa che molti scrittori usano già da tempo.